Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
Commissione certificazione dei contratti di lavoro

La commissione

La Commissione di certificazione dei contratti di lavoro è costituita presso l’Università degli Studi di Firenze ai sensi dell’art. 76, co. 1, lett. c) D. lgs. n. 276/2003, con Decreto direttoriale del Ministero del lavoro e delle politiche sociali del 3 marzo 2020 n. 9.
Alla Commissione di Certificazione dei Contratti di Lavoro sono affidate molteplici funzioni in materia di certificazione di contratti di lavoro e di singole clausole, di conciliazione delle controversie attraverso rinunzie e transazioni, al fine di dare certezza ai rapporti giuridici ed evitare il contenzioso.
In particolare, ai sensi dell’art. 2 del Regolamento di funzionamento (inserire il testo del regolamento tramite Link che si apre su altra finestra) la Commissione svolge le seguenti attività:
A) La certificazione di tutti i contratti in cui sia dedotta, direttamente o indirettamente, una prestazione di lavoro, ivi inclusi a titolo esemplificativo: contratti di lavoro, di somministrazione, di appalto, di associazione in partecipazione, ecc.;
B) La certificazione di singole clausole dei contratti di lavoro, tra cui le clausole di tipizzazione delle causali giustificatrici del licenziamento, ivi incluse quelle di giusta causa e di giustificato motivo oggettivo e soggettivo di licenziamento di cui all’art. 30, comma 3, L. 4 novembre 2010, n. 183 e la clausola compromissoria di cui all’art. 31, comma 10, L. 4 novembre 2010, n. 183;
C) La certificazione del regolamento interno delle cooperative con riferimento alla tipologia dei rapporti di lavoro attuati o che si intendono attuare, in forma alternativa, con i soci lavoratori ai sensi dell’art. 6, L. 3 aprile 2001, n. 142;
D) La certificazione degli appalti, dei subappalti e delle tipologie di lavoro flessibile, per le attività da eseguirsi in ambienti confinati o sospetti di inquinamento ai sensi del D. p. R. 177/2011;
E) La certificazione delle rinunzie e transazioni di cui all’art. 2113 cod. civ. a conferma della volontà abdicativa o transattiva delle parti;
F) La funzione conciliativa facoltativa di cui all’art. 31, comma 13, L. 4 novembre 2010, n. 183 per le controversie relative ai rapporti di cui all’art. 409 cod. proc. civ.;
G) La funzione conciliativa obbligatoria di cui all’art. 410 cod. proc. civ. per le controversie aventi ad oggetto i contratti certificati dalla medesima Commissione, ai sensi dell’art. 80, comma quarto, D. Lgs. n. 276 del 2003;
H) La soluzione arbitrale delle controversie relative ai rapporti di cui all’art. 409 cod. proc. civ. e all’art. 63, comma primo, D. Lgs. 30 marzo 2001 n. 165;
I) Assistenza e consulenza, in relazione sia alla stipulazione del contratto e del relativo programma negoziale, sia alle modifiche del programma negoziale concordate in sede di attuazione del rapporto, ai sensi degli artt. 79 e 81, D. Lgs. n. 276 del 2003.
J) Assistenza e consulenza in relazione alle attività di asseverazione da parte degli enti bilaterali, ai sensi dell’art. 51, comma 3 bis, D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81, dell’adozione e della efficace attuazione dei modelli di organizzazione e gestione della sicurezza.
K) La funzione conciliativa di cui all’art. 6, D.Lgs. 4 marzo 2015, n. 23 relativa alla offerta di conciliazione in caso di licenziamento dei lavoratori;
L)  Assistenza nella stipulazione di accordi individuali di modifica delle mansioni, della categoria legale e del livello di inquadramento e della relativa retribuzione, ai sensi dell’art. 2103, comma 6, cod. civ., come modificato dall’art. 3 D.Lgs. 24 giugno 2015, n. 81;
M) Assistenza nella stipulazione di clausole elastiche nel contratto di lavoro a tempo parziale ai sensi dell’art. 6, comma 6, D.Lgs. 24 giugno 2015, n. 81.
La Commissione ha competenza ad operare su tutto il territorio nazionale ed opera anche in via telematica, via skype o altri sistemi di teleconferenza.

 
ultimo aggiornamento: 15-Set-2020
Condividi su Facebook Twitter LinkedIn
Unifi Home Page Dipartimento di Scienze Giuridiche

Inizio pagina